Sanda (Kick Boxing Cinese)

Siamo a Collegno:

Prenota la Tua Lezione di Prova. Scrivici a asdmantis@gmail.com o invia un messaggio al 334 17 85 769 per essere ricontattato 

ASD Mantis. Tutte le Attività che cerchi per il Tuo Benessere e Condizionamento Fisico

All’interno della nostra Associazione è possibile praticare il Sanda, ovvero la Kick Boxing Cinese, fatta di calci, pugni e proiezioni. Conosciamola meglio!

palestra-kick-boxing-collegnoIl Sanda (Disseminare i colpi) o Sanshou (Disseminare le mani) o boxe cinese è uno sport da combattimento cinese uno-contro-uno. Alcuni vogliono vedere la kick boxing cinese in numerose pratiche antiche conosciute con i nomi di Xiangbo (lotta contro l’altro), shoubo (lotta con le mani), Bian (impetuosità), Bian, Baida, Paizhang, Qiangshou, Shouzhan (battaglia con le mani), Jueli, Jiji, ecc.. In realtà bisogna distinguere concettualmente il significato di Sanda in qualità di specialità sportiva creata in tempi recenti con un proprio sistema di tecniche e di regole ed il significato che lo stesso termine può avere in rapporto all’antichità Cinese, e che niente ha a che vedere con la pratica attuale. Anche il libro Zhongguo Sanshou (alla cui compilazione hanno collaborato personaggi del calibro di Zhang Shan e Wu Bin) identifica il Sanshou con il Sanda e riporta riferimenti documentali antichi in cui vengono citate pratiche dai più svariati nomi che vengono ricollegate a questi due concetti. Questa operazione è puramente ideale.

I combattimenti di sanda si possono vedere ormai in qualsiasi gara o manifestazione relativa al Kung Fu Wushu e sta conoscendo la via del professionismo oltre che in Asia (soprattutto nei paesi dell’ex Unione sovietica) e medio oriente anche in Europa e negli USA grazie anche all’utilizzo come tecnica marziale in molti corpi militari di tutto il mondo. Le sue origini ideali e culturali si perdono nelle antiche scuole di Wushu cinesi, nelle quali esiste dalla preistoria delle arti marziali. Per ottenere le risorse necessarie alla sopravvivenza, la gente imparò, pian piano, la lotta con il pugno e il calcio, a proiettare a terra l’avversario usando le gambe e di altre tecniche. A ben leggere la storia del combattimento libero in Cina si può notare che già dai primordi vi è stato un allontanamento dalle finalità di sopravvivenza ed un utilizzo ai fini di spettacolo ed intrattenimento all’interno dei palazzi nobiliari. Per quanto riguarda l’utilizzo militare delle pratiche a mano nuda, è significativo il giudizio di Qi Jiguang che le ritiene utili unicamente per il mantenimento della forma fisica dei soldati.

Bookmark the permalink.

Comments are closed